Contratto manutenzione ascensore: tutto quello che c’è da sapere

Quali voci deve contenere un contratto di manutenzione ascensore e quali sono i termini di legge a cui far riferimento? Leggi tutto quello che c'è da sapere sui contratti di manutenzione ascensore.

L’attività di manutenzione è fondamentale per mantenere in sicurezza il proprio impianto elevatore. È fondamentale, oltre che obbligatorio per legge, affidare questi interventi a un’impresa regolarmente abilitata, formalizzando un contratto di manutenzione ascensore scritto. 

Ma cosa deve contenere? Quali sono gli obblighi e i doveri del proprietario dell’impianto e quali dell’azienda manutentrice incaricata? Prima di scegliere il professionista a cui affidare le attività da cui dipendono sicurezza e performance dell’ascensore, è importante fare chiarezza su tutti questi punti. 

È bene specificare, inoltre, che non esiste un contratto di manutenzione dell’ascensore uguale all’altro, proprio perché non esiste un impianto uguale all’altro. 

Vediamo quindi quali sono i punti principali su cui far riferimento in occasione dell’avvio di un nuovo rapporto o per la modifica di un rapporto esistente. 

 

Contratto manutenzione ascensori: cosa deve esserci

A tal proposito, ANACAM (Associazione Nazionale Imprese di Costruzione e Manutenzione Ascensori) ha messo a punto un Codice Etico e una Carta dei Servizi che tutte le aziende associate come GP Elevatori osservano per una maggiore trasparenza. 

La norma UNI 10146

Questa particolare formula tecnica regola i “Criteri per la formulazione di un contratto per la fornitura di servizi finalizzati alla manutenzione” ed è il riferimento per identificare quali sono i contenuti essenziali di un contratto di manutenzione ascensori, ovvero:

  • oggetto e scopo
  • descrizione dei lavori 
  • ambiente di lavoro
  • oneri a carico del committente e dell’assuntore
  • norme di sicurezza
  • durata
  • prezzo, fatturazione, pagamenti

 

Vediamo meglio le specifiche principali di un contratto di manutenzione ascensore. 

 

Oggetto e scopo del contratto 

Nell’oggetto dev’essere specificato il tipo di manutenzione richiesta dal proprietario e garantita dall’impresa incaricata e quali sono le prestazioni effettivamente fornite. Possiamo dividere più generalmente le tipologie in:

  1. manutenzione ordinaria: che comprende le operazioni di manutenzione preventiva richieste dalla legge. È il contratto più diffuso;
  2. manutenzione semicompleta: che aggiunge alla manutenzione ordinaria anche quegli interventi di riparazione con pezzi di ricambio e materiali di consumo;
  3. manutenzione completa: che comprende un servizio completo di ogni attività che riguarda l’ascensore, compresi gli interventi di riparazione e le sostituzioni di componenti importanti.

 

Descrizione dei lavori e piani di manutenzione

In questa parte contrattuale devono essere descritte in modo dettagliato le attività previste e riportate nei piani di manutenzione. Una manutenzione programmata è sempre la scelta migliore per scongiurare disagi agli utenti in fase di utilizzo del mezzo. 

Nella stessa sezione devono essere quindi specificate la frequenza degli interventi di manutenzione previsti e già precedentemente condivisi con il proprietario. 

 

Durata

La durata del contratto in essere viene concordata tra l’azienda e il proprietario dell’ascensore, in base alle esigenze emerse. 

Normalmente si tratta di un contratto di almeno 3 anni. In questo modo l’azienda manutentrice riesce a garantire una migliore e più efficiente manutenzione a vantaggio della funzionalità, della sicurezza e quindi delle esigenze dell’utente. 

Durante questi 3 anni è compresa anche una verifica di una terza parte, che aiuterà il proprietario dell’ascensore, nella valutazione dell’azienda incaricata. 

 

Contratto di manutenzione ascensori GP Elevatori

Il team di GP Elevatori, da oltre 40 anni nel settore dell’ascensoristica, offre contratti di manutenzione ascensori personalizzati e trasparenti per raggiungere il miglior risultato possibile. Puoi contare su di noi anche per montacarichi, piattaforme elevatrici, montauto, montascale e scale mobili. 

Siamo a tua disposizione sempre. Non esitare a contattarci per avere maggiori informazioni.

Share:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin

Articoli correlati